Vai al contenuto

Cooperativa Apicoltori Sammarinesi al 2018

La cooperatiava alla stato attuale e responso dell'annata raccolta miele 2018

LLa Cooperativa Apicoltori Sammarinesi nasce il 1979 per volontà dei suoi primi Soci fondatori, di cui ricordiamo il primo Presidente Pieri Giuseppe e il Segretario Gasperoni Marino.

Oggi gli apicoltori sammarinesi attivi, censimento 2018, sono n.59 per un totale di n.1200 arnie su un totale di n.86 postazioni distribuite in ogni castello della ns. Repubblica, con una quantità annua media di miele prodotto di 200 q.li
Le principali produzioni di miele in territorio sono quelle di Acacia (Robinia pseudoacacia) e Millefiori, ma non mancano altre tipologie quali Melata, Sulla, Tiglio ed Edera che, però, sono presenti con minore continuità.
Come attestano i risultati della esperienza consolidata nei dieci anni di “Concorso Miglior Miele di San Marino” il nostro fiore all’occhiello è il Millefiori, così chiamato perché non vi è prevalenza di un’essenza fiorale ma una composizione di più fioriture. Quando si parla di Millefiori si parla di Territorio, infatti è il miele che meglio esprime la ricchezza e la tipicità di un territorio, riassunto dalle api in una splendida armonia di colore e sapore; metaforicamente è come “assaporare” la propria Terra Natia. Nonostante tale prodotto si riferisca ad un piccolo zonale (61km²), la diversità che contraddistingue i Millefiori che si producono nei nove Castelli è indice di buona biodiversità territoriale ma è anche possibile individuare, anno per anno, delle prevalenze nelle fioriture: il 2018 è caratterizzato da essenze di fioriture selvatiche.
Per quanto riguarda il miele di Acacia si registrano produzioni di qualità, data da un ottimo grado di purezza del prodotto, osservabile dall’analisi sensoriale. Man mano che gli anni passano, dal punto di vista tecnico le produzioni si specializzano e si migliorano a creare un prodotto adatto ad un consumatore che predilige mieli liquidi, delicati ed evanescenti.
In generale, l’andamento stagionale 2018 ha privilegiato la bottinatura da fiore per cui è quasi assente la produzione di Melata, dal sapore più acceso, che aveva invece caratterizzato la produzione 2017 condizionata da scarse fioriture per via della forte siccità estiva. Le abbondanti piogge primaverili hanno invece consentito nel mese di Giugno alcune smielature di miele di Sulla (Lupinus), produzione tipicamente autoctona dal carattere equilibrato e morbido che solidifica naturalmente, come del resto tutti i mieli ma ognuno con tempistiche differenti.

L’attività della Cooperativa Apicoltori è principalmente dedicata al coordinamento ed incentivo dell’assistenza mutualistica tra i soci per il miglioramento delle tecniche di allevamento, la condivisione delle esperienze e la cura delle api.
Ogni 2 anni la Cooperativa apicoltori promuove un corso di avviamento all’apicoltura; negli ultimi anni registriamo con piacere l’adesione di giovani apicoltori e tra questi molte donne. Una decisa inversione di tendenza che non può che dare soddisfazione e speranza per il proseguimento dell’attività in territorio.
Noi apicoltori ci sentiamo una sorta di “Tutori delle Api”, infatti non è nostro obbiettivo “addomesticare” l’Ape che nasce come animale selvatico ed è importante che rimanga tale, essendo patrimonio di tutti e come tale va tutelata. Conduttori fortunati! Non dobbiamo pulire le stalle né tanto meno portare al pascolo ed abbeverare le nostre amiche. Però dobbiamo osservare e studiare attentamente l’attività di ogni famiglia del nostro apiario e prendercene cura. Gran parte del nostro capitale è nella esperienza maturata sul campo nella gestione dei problemi che ogni annata presenta. La salute delle nostre famiglie è il nostro primo obbiettivo. L’affinamento di tecniche non invasive e quanto più naturali e compatibili con la natura delle nostre amiche api ci spinge a cercare sempre il miglioramento, da qui la necessità di comune confronto e continuo aggiornamento. A tal proposito come Cooperativa incentiviamo e promuoviamo attraverso le attività sociali un’apicoltura naturale, in sintonia tra Ambiente – Api – Apicoltore; attualmente sono diversi gli apicoltori che utilizzano il blocco di covata o l’asportazione, che usano acido ossalico o formico unici trattamenti previsti dal biologico.
Un mondo magico fatto di vecchi saggi che tramandano esperienze, che capiscono le loro api fino a poterle visitare senza maschere, guanti ed altre protezioni. Un mondo dove la tutela della natura e delle nostre api incomincia a riprendere il ruolo che merita, come valore positivo dopo anni di inquinamento ambientale, industrializzazione dei processi produttivi ed ibridazioni; ad esso va associato l’arrivo ad inizio anni 80 della Varroa (Varroa destructor) il parassita che si annida nelle nostre famiglie e di cui succhia la emolinfa fino a sfinirle ed ammalarle. Oggi più che mai, le nuove generazioni di apicoltori stanno stimolando un’inversione di tendenza con la riscoperta della selezione naturale, l’attenzione all’apiario, la prevenzione in luogo della cura.

Ogni anno la cooperativa organizza due incontri formativi, una gita sociale presso un particolare sito di allevamento per approfondire e confrontare esperienze e una trasferta corale alla fiera apistica di Piacenza.
L’apicoltore non è geloso delle sue conoscenze, ma come ogni uomo saggio calibra il suo sapere in base ai tempi dell’apprendimento. Sa che è il lavoro e la costante cura del suo apiario che dà frutto. Siamo pertanto orgogliosi del nostro miele sia che lo confezioniamo nel vaso anonimo senza etichetta, sia che lo confezioniamo con una nostra etichetta. Ma particolare orgoglio è il poterlo distinguere con il riconoscimento del marchio Terra di San Marino.
Un unica etichetta per tutti i produttori sammarinesi.
L’etichetta Terra di San Marino oltre ad identificare l’apicoltore che lo ha prodotto, evidenziato sul lato destro, riporta il lotto e l’anno di produzione oltre alla indicazione dell’essenza floreale prevalente. Il miele è confezionato in vasi di vetro da: 1Kg, 500gr. e 250gr.

Il riconosciuto Terra di San Marino è attribuito al miele esclusivamente prodotto nel nostro territorio, previa verifica delle sue caratteristiche organolettiche e fisiche a mezzo analisi di laboratorio ed analisi olfattive. Di ogni lotto di produzione ne attesta la rispondenza a specifico Disciplinare di Produzione che ne attesta l’alta qualità al pari di una certificazione DOP italiana. Un miele a Km. Zero e, soprattutto, senza residui di trattamenti sulle api. Inoltre, la conversione e le attività di sviluppo della tecnica apistica in chiave biologica hanno potuto beneficiare negli ultimi anni degli interventi di finanziamento convenuti dalla Cooperativa con l’UGRAA, in particolare per incentivare le tecniche del Blocco di Covata e della asportazione della covata che consentono di limitare il proliferare della temibile varroa senza uso di sostanze chimiche, comunque a scapito di un po’ di produzione di miele e della maggior fatica dell’apicoltore chiamato ad attività più specifiche nell’apiario.
Tra le attività della cooperativa vi è anche quella dello svolgimento di attività divulgativa nelle scuole sammarinesi provvedendo ad organizzare attraverso i suoi soci specifici laboratori didattici

La Cooperativa apicoltori si è anche fatta promotrice di un corso di assaggio sensorale del miele.
Tra i progetti più ambiziosi vi è quello di realizzare un apiario didattico in territorio volto alla conservazione della specie ligustica (Apis mellifera ligustica) autoctona del ns. territorio, a seguito della nostra adesione alla “Carta di S.Michele all’Adige” nata per la tutela e la conservazione della ligustica.
Una ulteriore attività di sviluppo è destinata al rafforzamento delle attività di rappresentanza e promozione del miele a marchio Terra di San marino. La Cooperativa ritiene che il miele di San Marino possa essere parte integrante dei processi di valorizzazione del territorio sia attraverso la vendita diretta che in associazione ad altri prodotti a marchio terra, per la produzione di prodotti di trasformazione: torroni, dolci, biscotti, ecc.
Per far questo deve poter stimolare il riconoscimento del Miele Terra di San Marino da parte di tutti i produttori al fine di aumentare le produzioni per poterci far conoscere in nuovi circuiti dove le caratteristiche di eccellenza del ns. miele possano essere ulteriormente promosse ed apprezzate.
Per far questo anche a noi sarà richiesto più lavoro. La gestione dei processi di identificazione, certificazione, invasettamento, etichettatura, immagazzinamento e vendita di ogni lotto a produzione terra assicurando un buon prezzo di vendita all’apicoltore sono la nostra nuova sfida.
Altro obbiettivo della Cooperativa è l’ampliamento dei prodotti di derivazione dell’apiario marcabili Terra di San Marino attraverso appositi disciplinari: Idromiele, Aceto di Miele, Polline, MielForte, Propoli, tutte produzioni che potrebbero arricchire il paniere Terra di San Marino.